uruknet.info
  اوروكنت.إنفو
     
    informazione dal medio oriente
    information from middle east
    المعلومات من الشرق الأوسط

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 02/02/2015 03:56 ] 10653


english italiano

  [ Subscribe our newsletter!   -   Iscriviti alla nostra newsletter! ]  




[10653]



Uruknet on Alexa


End Gaza Siege
End Gaza Siege

>

:: Segnala Uruknet agli amici. Clicka qui.
:: Invite your friends to Uruknet. Click here.




:: Segnalaci un articolo
:: Tell us of an article






Quello che la TV non ci racconta di Haiti

Claudio Testa, Socialismo o Barbarie

20 febbraio 2010


La TV del mondo mostra, come ci si poteva aspettare, un quadro falso della realtÓ. Nel caso di Haiti, date le circostanze questo Ŕ a maggior ragione atroce. Con razzismo appena camuffato dipingono il quadro di un popolo che sta soffrendo ma "ignorante" e "barbaro", incapace di "mantenere l'ordine" da se stesso dopo il terremoto, che richiede una rinnovata occupazione coloniale, con una ulteriore invasione USA.

Naturalmente, nessuno menziona il periodo di duecento anni di capitalismo ed imperialismo imposto al popolo haitiano per avere attuato l'unica rivoluzione sociale di schiavi riuscita nella storia. Ancora meno ci raccontano degli eventi recenti, come delle significative lotte di lavoratori, studenti e contadini contro l'occupazione coloniale ed il governo fantoccio di Preval che nel 2009 sono incrementate.

Una nuova classe lavoratrice supersfruttata

La "globalizzazione" del capitalismo, iniziata negli anni '80 e trionfante nei '90, in primo luogo ha significato carte blanche per trovare regioni in tutto il mondo per determinare il pi¨ feroce sfruttamento della classe lavoratrice, senza limiti. La Cina, con i suoi salari miseri ed il brutale supersfruttamento, Ŕ l'esempio migliore, ma non l'unico.

A Haiti, su scala molto pi¨ modesta, ha avuto luogo qualcosa di simile. Nello scorso decennio il governo USA ha costretto Haiti a creare "zone di libero scambio" dove ha impiantato stabilimenti dell'ultima generazione, che producono principalmente tessili. Queste fabbriche tessili oggi impiegano quasi 30.000 operai e, nonostante la crisi mondiale, non sembrano spegnersi. Il segreto Ŕ pagare i salari pi¨ bassi al mondo (persino meno che nelle fabbriche in Cina o in America Latina) ed imporre un ritmo di lavoro ancora pi¨ infernale.

Ma il capitalismo, facendo questo, ha creato ci˛ che prima non esisteva nella societÓ haitiana: una nuova classe lavoratrice, giovane e "moderna", in mezzo ad un paese che rimane indietro con elementi di barbarie e soggetto ad un regime politico di occupazione coloniale.

Lotte significative della classe lavoratrice e degli studenti

Nel 2009 questo ha iniziato ad esprimersi in importanti lotte dei lavoratori. In aggiunta a questa miscela esplosiva vi Ŕ stato il fattore importante del movimento degli studenti radicalizzato, che ha appoggiato le mobilitazioni dei lavoratori ed ha anche richiesto la fine dell'occupazione. Alcuni strati degli studenti erano in conflitto da aprile.

Nel maggio 2009 Ŕ lÓ iniziata una lotta della classe operaia con delle conseguenze politiche quasi immediate, risultanti in un assalto diretto al governo ed alle truppe del MINUSTAH (Nazioni Unite), che Ŕ durata, con alcune interruzioni, quasi fino alla fine dell'anno. Mentre reprimevano queste lotte, le truppe d'occupazione, comandate dalle forze del presidente "progressista" brasiliano Lula, hanno ucciso e ferito centinaia di operai e studenti.

La lotta Ŕ cominciata con la richiesta di un aumento del salario minimo da 75 gourdes ($1,80) a 200 ($4,80) gourdes al giorno. Contemporaneamente a scioperi parziali e generali, che sono durati fino a due settimane, migliaia di lavoratori hanno tenuto manifestazioni quotidiane nelle strade Port-au-Prince assieme agli studenti.

Per luglio queste pressioni hanno obbligato il Congresso a concedere un aumento del salario minimo, fino a 200 gourdes. Ma il "governo" Preval ha opposto il veto a questo incremento nell'industria tessile, il settore maggiore, mantenendolo a 125 gourdes ($3) al giorno. Il 17 agosto il Congresso ha accettato questo veto.

Abbastanza logicamente, tutto ci˛ ha politicizzato la lotta, risultante in un confronto diretto con l'occupazione coloniale ed il suo governo fantoccio, che Ŕ durata fino ad agosto. Quindi il MINUSTAH si Ŕ impegnato in una brutale repressione del movimento, vietando le dimostrazioni. Numerosi combattenti della classe lavoratrice e studentesca sono stati imprigionati. Molti altri attivisti sono "spariti".

Le "sparizioni" sono state una grave sconfitta per il nuovo movimento dei lavoratori. Ma non ha significato la fine della lotta contro l'occupazione ed il governo fantoccio.

Il 18 novembre Ŕ stata commemorata la battaglia di VertiŔres, dove nel 1803 gli haitiani sconfissero decisivamente le truppe francesi. Quel giorno gli studenti sono scesi in strada, provocando nuovi scontri con la polizia e le truppe del MINUSTAH.

Per riassumere: ad Haiti la situazione prima del terremoto non era "pace sociale", nÚ accettazione rassegnata del dominio coloniale. Ora, agendo in propria autodifesa, l'imperialismo USA vuole mettere altre catene alla popolazione haitiana ed ai suoi lavoratori.

Non dobbiamo permetterglielo!

Articolo originale:
http://www.mas.org.ar/periodicos_2010/per_168_al_170/per_168
/100122_06b_haiti_loquelatvnomuestra.htm






:: Article nr. s10653 sent on 02-mar-2010 10:04 ECT

www.uruknet.info?p=s10653

Link: freebooter.da.ru/



:: The views expressed in this article are the sole responsibility of the author and do not necessarily reflect those of this website.

The section for the comments of our readers has been closed, because of many out-of-topics.
Now you can post your own comments into our Facebook page: www.facebook.com/uruknet




Warning: include(./share/share2.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/content/25/8427425/html/vhosts/uruknet/colonna-centrale-pagina-ansi.php on line 385

Warning: include(): Failed opening './share/share2.php' for inclusion (include_path='.:/usr/local/php5_4/lib/php') in /home/content/25/8427425/html/vhosts/uruknet/colonna-centrale-pagina-ansi.php on line 385



       
[ Printable version ] | [ Send it to a friend ]


[ Contatto/Contact ] | [ Home Page ] | [Tutte le notizie/All news ]







Uruknet on Twitter




:: RSS updated to 2.0

:: English
:: Italiano



:: Uruknet for your mobile phone:
www.uruknet.mobi


Uruknet on Facebook






:: Motore di ricerca / Search Engine


uruknet
the web



:: Immagini / Pictures


Initial
Middle




The newsletter archive




L'Impero si è fermato a Bahgdad, by Valeria Poletti


Modulo per ordini




subscribe

:: Newsletter

:: Comments


Haq Agency
Haq Agency - English

Haq Agency - Arabic


AMSI
AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - English

AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - Arabic




Font size
Carattere
1 2 3





:: All events








     

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 02/02/2015 03:56 ]




Uruknet receives daily many hacking attempts. To prevent this, we have 10 websites on 6 servers in different places. So, if the website is slow or it does not answer, you can recall one of the other web sites: www.uruknet.info www.uruknet.de www.uruknet.biz www.uruknet.org.uk www.uruknet.com www.uruknet.org - www.uruknet.it www.uruknet.eu www.uruknet.net www.uruknet.web.at.it




:: This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a 'fair use' of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more info go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond 'fair use', you must obtain permission from the copyright owner.
::  We always mention the author and link the original site and page of every article.
uruknet, uruklink, iraq, uruqlink, iraq, irak, irakeno, iraqui, uruk, uruqlink, saddam hussein, baghdad, mesopotamia, babilonia, uday, qusay, udai, qusai,hussein, feddayn, fedayn saddam, mujaheddin, mojahidin, tarek aziz, chalabi, iraqui, baath, ba'ht, Aljazira, aljazeera, Iraq, Saddam Hussein, Palestina, Sharon, Israele, Nasser, ahram, hayat, sharq awsat, iraqwar,irakwar All pictures

url originale



 

I nostri partner - Our Partners:


TEV S.r.l.

TEV S.r.l.: hosting

www.tev.it

Progetto Niz

niz: news management

www.niz.it

Digitbrand

digitbrand: ".it" domains

www.digitbrand.com

Worlwide Mirror Web-Sites:
www.uruknet.info (Main)
www.uruknet.com
www.uruknet.net
www.uruknet.org
www.uruknet.us (USA)
www.uruknet.su (Soviet Union)
www.uruknet.ru (Russia)
www.uruknet.it (Association)
www.uruknet.web.at.it
www.uruknet.biz
www.uruknet.mobi (For Mobile Phones)
www.uruknet.org.uk (UK)
www.uruknet.de (Germany)
www.uruknet.ir (Iran)
www.uruknet.eu (Europe)
wap.uruknet.info (For Mobile Phones)
rss.uruknet.info (For Rss Feeds)
www.uruknet.tel

Vat Number: IT-97475000150