uruknet.info
  اوروكنت.إنفو
     
    informazione dal medio oriente
    information from middle east
    المعلومات من الشرق الأوسط

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 02/02/2015 03:56 ] 10646


english italiano

  [ Subscribe our newsletter!   -   Iscriviti alla nostra newsletter! ]  




[10646]



Uruknet on Alexa


End Gaza Siege
End Gaza Siege

>

:: Segnala Uruknet agli amici. Clicka qui.
:: Invite your friends to Uruknet. Click here.




:: Segnalaci un articolo
:: Tell us of an article






Palestina: Aumenta la repressione contro la lotta popolare in espansione

ANARCHICI CONTRO IL MURO

18 febbraio 2010

Contro gli sgomberi striscianti e contro il muro della separazione

Durante la settimana siamo stati presenti a Sheikh Jarrah. Ci sono state piantumazioni di alberi nella regione di Ma'sara (anche sabato 13). Venerdì 12 manifestazioni unitarie a Bil'in, Ma'sara, Nabi Salih, Ni'ilin, Sheikh Jarrah. Sabato 13 un'altra giornata di azione nel sud di Israele nella regione beduina. I manifestanti diretti a Ni'ilin, Bil'in, ed a Ma'sara sono stati costretti a lunghe attese ed a lunghi intralci a posti di blocco e qualcuno non è riuscito a passare. Il prossimo venerdì sarà il quinto anniversario della lotta a Bi'lin. Si prevede una mobilitazione generale per una manifestazione da farsi sia nella Cisgiordania palestinese che in Israele. Da mettere in conto le violenze da parte delle forze di Stato.

BEIT UMAR

Il nuovo Comitato popolare del villaggio intende dar inizio ad un altro appuntamento di lotta settimanale con la manifestazione unitaria di sabato 13.

BIL'IN

Vittoria per i manifestanti di Bil'in (programma di Central News dell'11.02.10)
(http://www.mako.co.il/news-channel2/Channel-2-Newscast/Article-a0c14ec009eb621004.htm)

Gli attivisti di sinistra che hanno manifestato ogni settimana con gli abitanti di Bil'in possono ascriversi un successo: due anni e mezzo dopo la sentenza dell'Alta Corte di Giustizia con cui si ordinava lo spostamento del percorso del muro, i lavori sono già iniziati. Il nuovo percorso del muro permetterà al villaggio di rientrare in possesso di 70 ettari di terre agricole, ma le manifestazioni proseguiranno.

Nonostante gli inseguimenti ed i fermi ai vari posti di blocco, 25 israeliani da Tel Aviv ce l'hanno fatta a raggiungere Bil'in per unirsi ai circa 10 internazionali, alle parecchie decine di palestinesi e ad un gruppo di personaggi in 3D blu avatar per la manifestazione settimanale contro la malefica occupazione israeliana. I manifestanti hanno marciato verso il muro, dove sono stati accolti da una doccia di lacrimogeni e granate assordanti, che ha colpito tutti, i blu, i bianchi e gli scuri. Dopo il solito tentativo di inviare ai soldati messaggi pedagogici contro l'occupazione, dopo essersi riparato il capo con sciarpe e buste di plastica e dopo aver rilanciato verso i soldati le granate non esplose, la manifestazione è stata sciolta dagli organizzatori.

Bil'in, 12 Febbraio 2010:

http://awalls.org/files/images/bilin-12-2-10%282%29.preview.jpg

Per la prima volta dopo un mese, l'esercito non ha mandato i soldati ad invadere il villaggio durante lo svolgimento della manifestazione. Tuttavia, come nelle settimane precedenti, l'esercito ha sparato i lacrimogeni direttamente sui manifestanti di ritorno al villaggio dopo la conclusione della manifestazione. Pare che l'esercito voglia trasformare in martiri ancora altri manifestanti, per cui la prossima settimana occorrerà fare molta attenzione.

http://awalls.org/files/images/bilin-12-2-10.jpg

Bilin Reenacts Avatar Film 12.02.10, di Haitham Al Katib http://www.youtube.com/watch?v=Chw32qG-M7E

Cinque anni di lotta unitaria: 19 febbraio 2010

Manifestazione di massa a Bil'in:
Cinque anni di una lotta che finirà solo quando il muro cadrà!
No agli insediamenti dei coloni! No alla segregazione!
No all'occupazione!
Sì alla lotta unitaria e popolare! Sì ad una giusta pace!

Cinque anni di manifestazioni popolari represse con la forza, quasi due anni mezzo dopo la sentenza dell'Alta Corte di Giustizia che aveva ordinato di spostare il percorso del muro, decine di incursioni notturne nel villaggio, centinaia di arresti, decine di processi, di dirigenti in prigione o impediti a prendere parte alle manifestazioni - e la lotta ancora continua!

Venerdì 19 febbraio 2010, saremo alla manifestazione unitaria a Bil'in per consegnare un semplice messaggio all'esercito di Israele: non riuscirete mai ad uccidere la resistenza popolare! Il muro deve cadere e cadrà!

Trasporti da Gerusalemme, Haifa e Tel Aviv, prenotarsi in tempo!

Un po' di storia

Il 20 febbraio 2005, i bulldozers iniziarono a sradicare i primi ulivi lungo il percorso previsto per la barriera della separazione sulle terre del villaggio di Bil'in. In quello stesso giorno, il villaggio organizzò la prima manifestazione contro il muro. Da allora Bil'in non è più un anonimo villaggio, sconosciuto ai più, bensì un simbolo internazionale della resistenza popolare di fronte all'ingiustizia infame.

L'attuale barriera della separazione a Bil'in ha annesso effettivamente a Israele circa 195 ettari, che rappresentano almeno il 50% delle terre del villaggio - il tutto al fine di espandere il vicino insediamento coloniale israeliano di Modi'in Illit. Circa due anni e mezzo fa, in seguito ad una lunga battaglia legale, l'Alta Corte di Giustizia di Gerusalemme stabilì che l'attuale percorso della barriera a Bil'in è illegale, dal momento che esso doveva servire alla protezione delle case di futuri coloni, ma mai costruite. La corte ordinò all'esercito di trovare un percorso alternativo. Tuttavia, la corte ammise con valore retroattivo che una parte del quartiere residenziale dei coloni poteva restare sulle terre del villaggio di Bil'in senza permessi edilizi ed in violazione della legge. Nonostante la sentenza dell'Alta Corte di Giustizia del settembre 2007, solo ora si apprende che l'esercito sta per iniziare i lavori di spostamento del muro per restituire al villaggio circa 60 ettari di terreni prima situati al di là del muro.

Le manifestazioni del villaggio sono iniziate a cadenza settimanale nel febbraio 2005, sotto la guida del Comitato Popolare di Bil'in, dove siedono i rappresentanti di diversi partiti. Le manifestazioni sono all'insegna della non-violenza, la cooperazione internazionale palestinese-israeliana sviluppa proteste creative, ma vengono duramente represse dall'esercito israeliano e dalla polizia di confine. Nella maggior parte dei casi, i lacrimogeni e le granate assordanti sono usate contro i manifestanti, ma a volte fanno la loro comparsa armi molto più pericolose, come i proiettili di metallo ricoperti di gomma. Nei mesi recenti, l'esercito ha cercato di strangolare la resistenza e di fermare anche le manifestazioni di Bil'in: quasi ogni settimana, i soldati invadono il villaggio nella notte, irrompono nella case, sequestrano i residenti dai loro letti e spargono tutto intorno i lacrimogeni. Decine di abitanti di Bil'in, inclusi parecchi esponenti della lotta non-violenta vengono arrestati e denunciati.

Grazie alla sua lotta di lunga durata di fronte alla repressione, Bil'in ha guadagnato un riconoscimento internazionale. Dirigenti politici, parlamentari, sopravvissuti dell'Olocausto, artisti, premi Nobel ed attivisti di tutto il mondo hanno partecipato alla manifestazioni, hanno dichiarato il loro sostegno alla lotta ed hanno chiesto la fine della repressione, il rilascio degli arrestati e lo smantellamento del muro.

L'annuncio da parte dell'esercito che i lavori per la costruzione del nuovo percorso stanno per iniziare è chiaramente un successo della lotta, ma non ne segna la fine. L'attuale barriera verrà smantellata solo dopo la fine dei lavori per quella nuova, cosa che richiederà tempi lunghi. Nel frattempo, prosegue la repressione contro i residenti di Bil'in in generale, e dei dirigenti della lotta popolare in particolare. Dobbiamo tutti stare dalla parte della gente di Bil'in e protestare contro l'ingiustizia che devono subire.

MA'SARA

http://awalls.org/files/images/maasara-12-2-10.jpg

Ben prima che la manifestazione settimanale di Ma'sara iniziasse giungevano notizia che un autobus pieno di attivisti comunisti palestinesi di Betlemme era nelle mani dell'esercito. Un piccolo gruppo di attivisti israeliani si è recato sul posto per vedere come stavano le cose e per rendersi conto che decine di palestinesi erano circondati dall'esercito e dalla polizia sul margine della strada del villaggio. Proibiti i contatti tra gli attivisti, dato che i palestinesi erano in stato di fermo. Poco dopo, i palestinesi sono stati rimessi sull'autobus e rispediti a Betlemme, dove gli è stata restituita la carta di identità.

Mancando questo supporto, la manifestazione ha potuto contare solo su 40 persone tra palestinesi, israeliani ed internazionali, inclusa la incisiva band di percussionisti di samba. I soldati sono stati sorpresi dal fatto che il corteo ha aggirato il filo spinato posto sulla strada, ma poi hanno rapidamente bloccato la strada verso le terre e dichiarato che l'area era zona militare chiusa. Un attivista locale ha tenuto un comizio in inglese, dopo di che la manifestazione è finita. Lungo la strada del ritorno, i soldati hanno seguito i manifestanti e poi hanno iniziato improvvisamente a lanciare granate assordanti e lacrimogeni. Due jeeps hanno seguito alcuni manifestanti fin dentro il villaggio, mentre altri soldati tenevano gli altri sotto il gas, minacciando di procedere ad arresti. Alla fine i manifestanti sono ritornati al villaggio senza feriti e senza arrestati.

http://www.youtube.com/v/wkXQKI9LM44&

NABI SALIH

Decine di abitanti di An Nabi Salih insieme ad attivisti internazionali ed israeliani hanno tenuto la manifestazione settimanale contro lo sfruttamento e lo strangolamento provocati dall'occupazione messa in opera dai residenti dell'insediamento di Halamish, che ruba la terra del villaggio. I manifestanti hanno marciato e scandito slogan dal centro del villaggio verso la terra presidiata dai coloni. Quando i manifestanti si sono trovati ad una decina di metri da soldati un po' nervosi, molti si sono seduti ed hanno iniziato ad urlare che era una manifestazione non-violenta e che non c'era nessun bisogno di essere violenti. Tuttavia, i soldati hanno attaccato la manifestazione usando anche un cannone che spara a raffica bombolette di gas lacrimogeno. Di conseguenza, i manifestanti si sono defilati in diversi posti. Nel punto di inizio della manifestazione, circa venti persone si sono radunate per iniziare a costruire dei terrazzamenti agricoli per significare che quella terra è palestinese ed appartiene al villaggio. Questa è una terra che viene continuamente rovinata dai coloni per non permettere ai palestinesi di coltivarla. L'esercito ha continuato a sparare lacrimogeni su tutti quelli che non erano col gruppo principale che costruiva le terrazze e che dopo un'ora si è allontanato di sua volontà. In un altro posto nel villaggio si stavano sviluppando scontri tra l'esercito ed i manifestanti. Questa volta l'esercito ha usato taniche di liquido puzzolente da spruzzare sui manifestanti per respingerli. I soldati che hanno preso il controllo di una casa del villaggio, hanno sparato lacrimogeni nei cortili delle case, ma anche proiettili di gomma. Parecchi manifestanti sono stati feriti leggermente. Alcuni hanno lanciato pietre contro i soldati. Gli scontri sono proseguiti fino a sera.

http://awalls.org/files/images/nabi-saleh-12-2-10.jpg

Venerdì 12.02.10 - Nabi Saleh video su http://www.youtube.com/watch?v=aetQopXZitg

NI'ILIN

Due arrestati a Ni'ilin durante la manifestazione del venerdì

Un attivista israeliano ed un cameraman palestinese di Ni'ilin sono stati arrestati durante la manifestazione settimanale contro il muro dell'apartheid di Israele e contro gli insediamenti nel villaggio di Ni'ilin. Attivisti palestinesi, israeliani, ed internazionali hanno marciato verso il grande cancello sul muro dell'apartheid oggi a Ni'ilin col messaggio: la nostra terra si trova al di là del muro, questa è la stagione della semina, fateci andare sui nostri campi! Quando i manifestanti hanno raggiunto il muro, sono stati bombardati con gas lacrimogeni da parte dell'esercito israeliano. Secondo i residenti, coloni ebrei sono stati visti avvicinarsi al checkpoint fuori del villaggio, ma senza entrare. Non si sa se avessero intenzione di entrare nel villaggio.

Ratib Ameera e Quse Mohammad Nafea, attivisti di Ni'ilin contro il muro e gli insediamenti, sono stati rilasciati oggi dietro cauzione.

Il villaggio di Ni'ilin è stato il centro di tanta violenza da parte dell'esercito israeliano da quando è iniziata nel 2004 la campagna per fermare la costruzione del muro della separazione. Centinaia di vite contadine sono state devastate da quando il muro ha tagliato le terre. Una volta finito il muro, il villaggio avrà perso il 40% della terra che gli rimane, e quella terra andrà effettivamente ad una mezza dozzina di grossi insediamenti ebrei che circondano Ni'ilin. Gli insediamenti sono illegali secondo la legge internazionale.

L'israeliano è stato rilasciato dopo parecchie ore, mentre il palestinese potrebbe essere liberato domenica prossima.

SHEIKH JARRAH

A Sheikh Jarrah vi è stata una recente escalation della violenza dei coloni. Oltre al vandalismo, alle minacce, al lancio di pietre ed alle bastonate, durante la scorsa settimana, i coloni sono giunti a puntare delle armi contro i palestinesi. Sappiamo che la presenza israeliana nel quartiere fa da deterrente a comportamenti violenti estremi da parte dei coloni. Visite (anche brevi) durante il giorno come pure una presenza notturna sono essenziali nel garantire la sicurezza ai palestinesi. Iscrivetevi per un turno di giorno o di notte, specialmente durante i weekends.

La manifestazione settimanale a Sheikh Jarrah è stata partecipata da oltre 200 manifestanti, compresi tutti e tre i parlamentari del Meretz, che si sono uniti alla lotta contro la "ebraicizzazione" di Gerusalemme Est. Presenti anche due blu Na'vis, rifugiati del pianeta di Pandora del film Avatar, che sono sopravvissuti alla manifestazione precedente a Bil'in e si sono uniti alla protesta contro il brutale trattamento inflitto a madre natura Eywa ed alla nativa popolazione Na'v-Palestinese di Gerusalemme.

La manifestazione è andata avanti per circa un'ora e mezza, al suono della band di samba. Ad un certo punto decine di manifestanti hanno iniziato un piccolo corteo verso una delle case occupate nel villaggio, che a differenza di altre non era presidiata dalla polizia. La manifestazione poi è proseguita in 2 tronconi paralleli ed è finita pacificamente.

http://awalls.org/files/images/sj-12-2-10.jpg

SUD DI HEBRON

Continua la resistenza al trasferimento dei Beduini nella regione. Perciò sabato 13 febbraio, saremo lì per accompagnare i pastori in varie località del Monte Hebron.

MEDIA

Ancora proteste nei villaggi della Cisgiordania
di Paula Hancocks, CNN - http://edition.cnn.com/2010/WORLD/meast/02/10/west.bank.protests/

Editoriale Haaretz: Inaccettabile battaglia contro la protesta
http://www.haaretz.com/hasen/spages/1149374.html

Notiziario della notte di TV channel 10 ha mandato pochi minuti sulle lotte di Bil'in-Ni'ilin e sulle manifestazioni della giornata, incluso un breve "comizio" di un portavoce degli Anarchici Contro Il Muro.

 

Ilan Shalif
http://ilanisagainstwalls.blogspot.com/

Anarchici Contro Il Muro
http://www.awalls.org

Traduzione a cura di FdCA - Ufficio Relazioni Internazionali


:: Article nr. s10646 sent on 02-mar-2010 09:24 ECT

www.uruknet.info?p=s10646

Link: www.fdca.it/wall/



:: The views expressed in this article are the sole responsibility of the author and do not necessarily reflect those of this website.

The section for the comments of our readers has been closed, because of many out-of-topics.
Now you can post your own comments into our Facebook page: www.facebook.com/uruknet




Warning: include(./share/share2.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/content/25/8427425/html/vhosts/uruknet/colonna-centrale-pagina-ansi.php on line 385

Warning: include(): Failed opening './share/share2.php' for inclusion (include_path='.:/usr/local/php5_4/lib/php') in /home/content/25/8427425/html/vhosts/uruknet/colonna-centrale-pagina-ansi.php on line 385



       
[ Printable version ] | [ Send it to a friend ]


[ Contatto/Contact ] | [ Home Page ] | [Tutte le notizie/All news ]







Uruknet on Twitter




:: RSS updated to 2.0

:: English
:: Italiano



:: Uruknet for your mobile phone:
www.uruknet.mobi


Uruknet on Facebook






:: Motore di ricerca / Search Engine


uruknet
the web



:: Immagini / Pictures


Initial
Middle




The newsletter archive




L'Impero si è fermato a Bahgdad, by Valeria Poletti


Modulo per ordini




subscribe

:: Newsletter

:: Comments


Haq Agency
Haq Agency - English

Haq Agency - Arabic


AMSI
AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - English

AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - Arabic




Font size
Carattere
1 2 3





:: All events








     

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 02/02/2015 03:56 ]




Uruknet receives daily many hacking attempts. To prevent this, we have 10 websites on 6 servers in different places. So, if the website is slow or it does not answer, you can recall one of the other web sites: www.uruknet.info www.uruknet.de www.uruknet.biz www.uruknet.org.uk www.uruknet.com www.uruknet.org - www.uruknet.it www.uruknet.eu www.uruknet.net www.uruknet.web.at.it




:: This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a 'fair use' of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more info go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond 'fair use', you must obtain permission from the copyright owner.
::  We always mention the author and link the original site and page of every article.
uruknet, uruklink, iraq, uruqlink, iraq, irak, irakeno, iraqui, uruk, uruqlink, saddam hussein, baghdad, mesopotamia, babilonia, uday, qusay, udai, qusai,hussein, feddayn, fedayn saddam, mujaheddin, mojahidin, tarek aziz, chalabi, iraqui, baath, ba'ht, Aljazira, aljazeera, Iraq, Saddam Hussein, Palestina, Sharon, Israele, Nasser, ahram, hayat, sharq awsat, iraqwar,irakwar All pictures

url originale



 

I nostri partner - Our Partners:


TEV S.r.l.

TEV S.r.l.: hosting

www.tev.it

Progetto Niz

niz: news management

www.niz.it

Digitbrand

digitbrand: ".it" domains

www.digitbrand.com

Worlwide Mirror Web-Sites:
www.uruknet.info (Main)
www.uruknet.com
www.uruknet.net
www.uruknet.org
www.uruknet.us (USA)
www.uruknet.su (Soviet Union)
www.uruknet.ru (Russia)
www.uruknet.it (Association)
www.uruknet.web.at.it
www.uruknet.biz
www.uruknet.mobi (For Mobile Phones)
www.uruknet.org.uk (UK)
www.uruknet.de (Germany)
www.uruknet.ir (Iran)
www.uruknet.eu (Europe)
wap.uruknet.info (For Mobile Phones)
rss.uruknet.info (For Rss Feeds)
www.uruknet.tel

Vat Number: IT-97475000150