uruknet.info
  اوروكنت.إنفو
     
    informazione dal medio oriente
    information from middle east
    المعلومات من الشرق الأوسط

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 02/02/2015 03:56 ] 10644


english italiano

  [ Subscribe our newsletter!   -   Iscriviti alla nostra newsletter! ]  




[10644]



Uruknet on Alexa


End Gaza Siege
End Gaza Siege

>

:: Segnala Uruknet agli amici. Clicka qui.
:: Invite your friends to Uruknet. Click here.




:: Segnalaci un articolo
:: Tell us of an article






Chi demonizza l'Eritrea e perché?

di Mohamed Hassan*

18 febbraio 2010

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato le sanzioni contro l'Eritrea. Questa decisione si basa su una campagna menzognera che accusa il paese di sostenere militarmente i ribelli in Somalia. Le sanzioni mirano in realtà a rafforzare gli interessi strategici di alcune superpotenze nel Corno d'Africa. In tutto il mondo sono previste manifestazioni di solidarietà per l'Eritrea condannata a pagare un ingiusto prezzo per la sua indipendenza.

Trentaquattro minuti. Il tempo necessario al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per decidere del destino dell'Eritrea. Il Consiglio ha infatti votato a favore della risoluzione 1907/2009 che impone sanzioni a questo piccolo paese del Corno d'Africa. Questa decisione è fondata su informazioni fabbricate ad arte e una campagna di menzogne condotta principalmente dagli Stati Uniti, dalla Gran Bretagna e dall'Uganda. Solo la Cina si è astenuta e la Libia ha votato contro.

Si accusa l'Eritrea di fornire armi e munizioni ai gruppi armati in Somalia e di avere rapporti conflittuali con le vicine Etiopia e Gibuti. Con tutta evidenza i membri del Consiglio che hanno votato le sanzioni non conoscono la storia dell'Eritrea o la situazione in Somalia. Il governo di Asmara ha più volte ripetuto all'ONU di non aver fornito armi ai gruppi somali, tanto più che non disporrebbe dei mezzi, ma ha anche suggerito possibili soluzioni per risolvere la crisi somala: quale l'apertura di un dialogo per la riconciliazione tra tutti i soggetti del paese, senza ingerenza da parte delle potenze straniere.

L'ONU non ha recepito tali proposte ed ha invece accusano l'Eritrea. Ma non è l'Eritrea ad aver creato il problema somalo. E non è nemmeno l'Eritrea che ha invaso quel paese né ha violato l'embargo sulle armi imposto nel 1992. Chi sono i veri responsabili allora (1)? Quelli che oggi portano in braccio il Consiglio di Sicurezza.

Il Corno d'Africa è infatti una regione strategica per Washington, che mira a farne una base militare. L'obiettivo? Il controllo del Medio Oriente e l'accesso africano verso l'Oceano Indiano. Etiopia e Gibuti sono votate alla causa degli Stati Uniti. In Somalia sono venti anni che non esiste un governo e il paese è nel caos. Quando il movimento delle Corti Islamiche riuscì a ripristinare la pace nel paese nel 2006, l'esercito etiope, appoggiato da Washington, invase Mogadiscio. Da quel momento la situazione è andata costantemente peggiorando. Rimane l'Eritrea che persegue una politica indipendente e resiste alle potenze imperialiste.

È proprio questo il motivo per cui oggi è sotto attacco. Il governo di Asmara sta facendo del suo meglio, con i limitati mezzi di cui dispone, per proteggere i suoi cittadini dai saccheggi e dagli abusi ripetuti delle potenze coloniali. L'economia si basa principalmente sul settore agricolo in forte espansione, il governo punta al miglioramento del livello di istruzione, le infrastrutture sono relativamente sviluppate. Inoltre, il paese dispone di importanti giacimenti di oro, rame, petrolio e gas non ancora sfruttati. Queste materie prime scatenano l'appetito neocoloniale. Ma l'Eritrea ha elaborato un suo modello di sviluppo e desidera disporre della proprie ricchezze come crede.

Anche sul fronte diplomatico Asmara ha una politica autonoma, che ovviamente non soddisfa gli interessi degli Stati Uniti: Asmara intende riportare la pace nel Corno d'Africa, invitando tutte le parti interessate della regione a dialogare senza interferenze da parte delle potenze straniere. Washington teme di perdere il pieno controllo del Corno d'Africa, in primo luogo perché non riesce a imporre un governo accondiscendente in Somalia. In secondo luogo, perché l'attuale regime etiopico, fedele alleato degli Stati Uniti, è contestato in maniera crescente nei suoi confini e potrebbe perdere le prossime elezioni. Infine, perché il modello eritreo, sulla base di una politica indipendente dalle potenze straniere, potrebbe ispirare altri paesi della regione.

Gli Stati Uniti quindi cercano di emarginare l'Eritrea. È per questo che hanno sollecitato sanzioni ingiuste nei suoi confronti. Ma i membri del Consiglio di Sicurezza devono valutare tutti i fatti e le prove per trovare una soluzione pacifica ai problemi del Corno d'Africa. In Europa, negli Stati Uniti e in Australia sono previste mobilitazioni per chiedere al Consiglio di sicurezza di riconsiderare la sua decisione (2). I paesi africani hanno bisogno di pace. Non di trafficanti di armi, di invasioni e sanzioni.

*Mohamed Hassan

Comitato europeo per il Corno d'Africa

Note:

1. Della serie "comprendere il mondo musulmano" [tradotto da Resistenze.org]: Come le potenze coloniali mantengono il paese nel caos - http://www.resistenze.org/sito/te/po/so/posoaa09-006130.htm

2. Maggiori informazioni all'indirizzo: http://eritrean-smart.org/node/26

Il prossimo capitolo del Dossier "Comprendere il mondo musulmano" sarà dedicato all'Eritrea.


da www.michelcollon.info
Traduzione dal francese per www.resistenze.org a cura del Centro di Cultura e Documentazione Popolare






:: Article nr. s10644 sent on 02-mar-2010 09:02 ECT

www.uruknet.info?p=s10644

Link: www.resistenze.org/sito/te/po/er/poerab15-006349.htm



:: The views expressed in this article are the sole responsibility of the author and do not necessarily reflect those of this website.

The section for the comments of our readers has been closed, because of many out-of-topics.
Now you can post your own comments into our Facebook page: www.facebook.com/uruknet




Warning: include(./share/share2.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/content/25/8427425/html/vhosts/uruknet/colonna-centrale-pagina-ansi.php on line 385

Warning: include(): Failed opening './share/share2.php' for inclusion (include_path='.:/usr/local/php5_4/lib/php') in /home/content/25/8427425/html/vhosts/uruknet/colonna-centrale-pagina-ansi.php on line 385



       
[ Printable version ] | [ Send it to a friend ]


[ Contatto/Contact ] | [ Home Page ] | [Tutte le notizie/All news ]







Uruknet on Twitter




:: RSS updated to 2.0

:: English
:: Italiano



:: Uruknet for your mobile phone:
www.uruknet.mobi


Uruknet on Facebook






:: Motore di ricerca / Search Engine


uruknet
the web



:: Immagini / Pictures


Initial
Middle




The newsletter archive




L'Impero si è fermato a Bahgdad, by Valeria Poletti


Modulo per ordini




subscribe

:: Newsletter

:: Comments


Haq Agency
Haq Agency - English

Haq Agency - Arabic


AMSI
AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - English

AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - Arabic




Font size
Carattere
1 2 3





:: All events








     

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 02/02/2015 03:56 ]




Uruknet receives daily many hacking attempts. To prevent this, we have 10 websites on 6 servers in different places. So, if the website is slow or it does not answer, you can recall one of the other web sites: www.uruknet.info www.uruknet.de www.uruknet.biz www.uruknet.org.uk www.uruknet.com www.uruknet.org - www.uruknet.it www.uruknet.eu www.uruknet.net www.uruknet.web.at.it




:: This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a 'fair use' of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more info go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond 'fair use', you must obtain permission from the copyright owner.
::  We always mention the author and link the original site and page of every article.
uruknet, uruklink, iraq, uruqlink, iraq, irak, irakeno, iraqui, uruk, uruqlink, saddam hussein, baghdad, mesopotamia, babilonia, uday, qusay, udai, qusai,hussein, feddayn, fedayn saddam, mujaheddin, mojahidin, tarek aziz, chalabi, iraqui, baath, ba'ht, Aljazira, aljazeera, Iraq, Saddam Hussein, Palestina, Sharon, Israele, Nasser, ahram, hayat, sharq awsat, iraqwar,irakwar All pictures

url originale



 

I nostri partner - Our Partners:


TEV S.r.l.

TEV S.r.l.: hosting

www.tev.it

Progetto Niz

niz: news management

www.niz.it

Digitbrand

digitbrand: ".it" domains

www.digitbrand.com

Worlwide Mirror Web-Sites:
www.uruknet.info (Main)
www.uruknet.com
www.uruknet.net
www.uruknet.org
www.uruknet.us (USA)
www.uruknet.su (Soviet Union)
www.uruknet.ru (Russia)
www.uruknet.it (Association)
www.uruknet.web.at.it
www.uruknet.biz
www.uruknet.mobi (For Mobile Phones)
www.uruknet.org.uk (UK)
www.uruknet.de (Germany)
www.uruknet.ir (Iran)
www.uruknet.eu (Europe)
wap.uruknet.info (For Mobile Phones)
rss.uruknet.info (For Rss Feeds)
www.uruknet.tel

Vat Number: IT-97475012153