uruknet.info
  اوروكنت.إنفو
     
    informazione dal medio oriente
    information from middle east
    المعلومات من الشرق الأوسط

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 02/02/2015 03:56 ] 10615


english italiano

  [ Subscribe our newsletter!   -   Iscriviti alla nostra newsletter! ]  




[10615]



Uruknet on Alexa


End Gaza Siege
End Gaza Siege

>

:: Segnala Uruknet agli amici. Clicka qui.
:: Invite your friends to Uruknet. Click here.




:: Segnalaci un articolo
:: Tell us of an article






Smascherate le collusioni nel sistema globale di detenzioni “per procura” gestito dagli USA

by Andrew Wander

10 febbraio 2010

Original Version: Proxy detention 'collusion’ exposed

Un nuovo rapporto delle Nazioni Unite conferma che il sistema delle "extraordinary renditions" e delle detenzioni segrete promosso dagli USA era un sistema globale con estese complicità in Europa e in Medio Oriente

***

Secondo quanto riferito dagli investigatori delle Nazioni Unite, governi di tutto il mondo, compresi quelli di paesi arabi ed europei, sono stati collusi nella detenzione segreta di sospetti terroristi.

Un ampio rapporto, pubblicato mercoledì 27 gennaio, dipinge un quadro inquietante di un sistematico programma di detenzioni segrete che coinvolge molti paesi.

Alcuni funzionari sostengono che la detenzione segreta può "essere considerata un crimine contro l’umanità".

Il documento di 222 pagine, che verrà presentato al prossimo incontro del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, rappresenta il risultato di svariati anni di indagini e sottolinea che le detenzioni segrete sono " una molteplice violazione dei diritti umani e non possono essere giustificate in nessuna circostanza".

Malgrado l’esistenza di chiare leggi che vietano la detenzione segreta di prigionieri sia in tempo di guerra che di pace, gli investigatori sono giunti a concludere che negli anni successivi agli attacchi dell’11 settembre svariati paesi hanno preso parte al programma di detenzioni segrete gestito dagli Stati Uniti.

Complicità

Le critiche nei confronti delle politiche di detenzione degli Stati Uniti dopo il 2001 non sono una novità, ma il rapporto rappresenterà una lettura sgradevole per i leader dei paesi accusati di collusione con Washington nell’ormai defunto programma di detenzione e di "extraordinary renditions".

Regno Unito, Canada, Australia e Germania sono tutti accusati di "aver approfittato della situazione delle detenzioni segrete" inviando domande e ricevendo informazioni da prigionieri detenuti "per procura".

Il rapporto ha anche sottolineato come gli Stati Uniti abbiano "chiesto a paesi con un basso standard di rispetto dei diritti umani di tenere agli arresti ed interrogare prigionieri per conto degli USA", accusando in questo modo Giordania, Egitto, Siria, Marocco, Pakistan, Etiopia, Gibuti, e forse addirittura Uzbekistan, di tenere in stato di detenzione prigionieri per conto della CIA.

Gli autori del rapporto riconoscono che alcune delle accuse di complicità non possono essere confermate, ma sostengono che "la coerenza di molte delle dettagliate accuse fornite separatamente dai detenuti aggiunge peso" alle tesi che considerano questi paesi al centro di un sistema internazionale di detenzioni illegali.

Se da un lato le accuse riportate nel documento risalgono agli anni della presidenza Bush, gli investigatori criticano anche Barack Obama, l’attuale presidente degli Stati Uniti, per non essersi spinto abbastanza in là nel revisionare il sistema che egli ha ereditato nel momento in cui ha assunto il proprio incarico.

Sebbene il rapporto riconosca i successi di Obama, esso sostiene che c’è ancora molto da fare, fra cui la necessità di rivelare dove siano i prigionieri scomparsi all’interno di questo sistema.

"E’ necessario che vengano forniti chiarimenti sulla presunta esistenza di detenuti rinchiusi in "prigioni segrete" della CIA in Iraq e Afghanistan, o altrove, nel momento in cui il presidente Obama ha assunto il suo incarico, e in caso affermativo,  sono necessari chiarimenti sulle sorti dei prigionieri detenuti a quell’epoca", si legge nel rapporto.

Sparizioni
 
La questione di cosa sia accaduto ai prigionieri incarcerati nell’ambito del sistema di detenzioni segrete degli Stati Uniti in passato, va ben oltre coloro che si trovavano sotto la custodia americana nel momento in cui Obama è entrato alla Casa Bianca.

Il rapporto espone i particolari del caso di un prigioniero, Mustafa Setmariam Naser, scomparso prima della fine del mandato di Bush.

Autore di numerosi libri ed altre pubblicazioni sull’Islam e sul jihad, l’uomo, di nazionalità siriana e spagnola, è stato catturato nel 2005 in Pakistan e consegnato alle autorità americane. Da quel momento, non si sono più avute sue notizie, sebbene lo scorso anno l’FBI abbia affermato che egli non era più sotto la custodia americana.

Una dichiarazione della CIA del giugno 2009 sulla questione della sparizione di Naser affermava che "l’agenzia non può né confermare né negare l’esistenza o la non esistenza di documentazione rispondente alle vostre richieste", aggiungendo che anche se la CIA avesse avuto quei documenti, sarebbero comunque stati di natura riservata.

Alcuni attivisti ritengono che Naser possa essere sotto la custodia siriana, e fanno appello al governo americano affinché venga rivelato il luogo di detenzione.

Il rapporto, inoltre, attacca l’amministrazione Obama per il modo in cui vengono trattati i prigionieri in Afghanistan, in particolari quelli detenuti nella prigione della base aerea di Bagram, descrivendo la situazione sul posto come "molto preoccupante".

Sono circa 650 i prigionieri detenuti a Bagram dagli Stati Uniti. Agli inizi del mese di gennaio, l’amministrazione Obama ha rilasciato una lista di nomi; è stata la prima volta che i prigionieri in Afghanistan sono stati formalmente identificati.

Gli investigatori delle Nazioni Unite hanno esortato gli Stati Uniti a rilasciare informazioni aggiuntive "sulla cittadinanza, la durata della detenzione e il luogo di cattura di tutti i detenuti attualmente trattenuti" nella prigione.

Reazioni

Le accuse di complicità nel programma americano di "renditions" hanno provocato furiose reazioni da parte di alcuni dei governi segnalati nel rapporto.

Il Regno Unito, il quale è accusato di complicità nei casi di "numerosi individui, compresi i casi di Binyam Mohamed, Salahuddin Amin, Zeeshan Siddiqui, Rangzieb Ahmed and Rashid Rauf", ha respinto il rapporto definendolo " non comprovato ed irresponsabile".

"Non vi è alcuna verità nel sostenere che colludere, facilitare o partecipare ad abusi nei confronti di prigionieri sia una nostra politica", ha dichiarato un portavoce del Foreign Office, aggiungendo che qualsiasi dibattito sulla questione "deve essere fondato su qualcosa di più che semplici dicerie e accuse non comprovate".

Il rapporto conclude però che le detenzioni segrete sono una realtà che va affrontata.

"Le prove raccolte dai quattro esperti per il presente studio mostrano che molti paesi, in relazione a preoccupazioni riguardanti la sicurezza nazionale – spesso percepite o presentate come minacce ed emergenze senza precedenti – ricorrono alle detenzioni secrete", dice il rapporto.

"Ad eccezione di rari casi, troppo poco è stato fatto per investigare sulle accuse di complicità".

Andrew Wander è un giornalista specializzato in diritti umani; lavora per la redazione di al-Jazeera che si occupa di libertà civili e diritti umani, occupandosi della prigione di Guantanamo e del sistema globale delle extraordinary renditions; ha lavorato come corrispondente nei Balcani e in Medio Oriente per diversi giornali inglesi e americani


:: Article nr. s10615 sent on 01-mar-2010 11:16 ECT

www.uruknet.info?p=s10615

Link: www.medarabnews.com/2010/02/07/smascherate-collusioni-detenzioni-per-procura/



:: The views expressed in this article are the sole responsibility of the author and do not necessarily reflect those of this website.

The section for the comments of our readers has been closed, because of many out-of-topics.
Now you can post your own comments into our Facebook page: www.facebook.com/uruknet




Warning: include(./share/share2.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/content/25/8427425/html/vhosts/uruknet/colonna-centrale-pagina-ansi.php on line 385

Warning: include(): Failed opening './share/share2.php' for inclusion (include_path='.:/usr/local/php5_4/lib/php') in /home/content/25/8427425/html/vhosts/uruknet/colonna-centrale-pagina-ansi.php on line 385



       
[ Printable version ] | [ Send it to a friend ]


[ Contatto/Contact ] | [ Home Page ] | [Tutte le notizie/All news ]







Uruknet on Twitter




:: RSS updated to 2.0

:: English
:: Italiano



:: Uruknet for your mobile phone:
www.uruknet.mobi


Uruknet on Facebook






:: Motore di ricerca / Search Engine


uruknet
the web



:: Immagini / Pictures


Initial
Middle




The newsletter archive




L'Impero si è fermato a Bahgdad, by Valeria Poletti


Modulo per ordini




subscribe

:: Newsletter

:: Comments


Haq Agency
Haq Agency - English

Haq Agency - Arabic


AMSI
AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - English

AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - Arabic




Font size
Carattere
1 2 3





:: All events








     

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 02/02/2015 03:56 ]




Uruknet receives daily many hacking attempts. To prevent this, we have 10 websites on 6 servers in different places. So, if the website is slow or it does not answer, you can recall one of the other web sites: www.uruknet.info www.uruknet.de www.uruknet.biz www.uruknet.org.uk www.uruknet.com www.uruknet.org - www.uruknet.it www.uruknet.eu www.uruknet.net www.uruknet.web.at.it




:: This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a 'fair use' of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more info go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond 'fair use', you must obtain permission from the copyright owner.
::  We always mention the author and link the original site and page of every article.
uruknet, uruklink, iraq, uruqlink, iraq, irak, irakeno, iraqui, uruk, uruqlink, saddam hussein, baghdad, mesopotamia, babilonia, uday, qusay, udai, qusai,hussein, feddayn, fedayn saddam, mujaheddin, mojahidin, tarek aziz, chalabi, iraqui, baath, ba'ht, Aljazira, aljazeera, Iraq, Saddam Hussein, Palestina, Sharon, Israele, Nasser, ahram, hayat, sharq awsat, iraqwar,irakwar All pictures

url originale



 

I nostri partner - Our Partners:


TEV S.r.l.

TEV S.r.l.: hosting

www.tev.it

Progetto Niz

niz: news management

www.niz.it

Digitbrand

digitbrand: ".it" domains

www.digitbrand.com

Worlwide Mirror Web-Sites:
www.uruknet.info (Main)
www.uruknet.com
www.uruknet.net
www.uruknet.org
www.uruknet.us (USA)
www.uruknet.su (Soviet Union)
www.uruknet.ru (Russia)
www.uruknet.it (Association)
www.uruknet.web.at.it
www.uruknet.biz
www.uruknet.mobi (For Mobile Phones)
www.uruknet.org.uk (UK)
www.uruknet.de (Germany)
www.uruknet.ir (Iran)
www.uruknet.eu (Europe)
wap.uruknet.info (For Mobile Phones)
rss.uruknet.info (For Rss Feeds)
www.uruknet.tel

Vat Number: IT-97475000150