uruknet.info
  اوروكنت.إنفو
     
    informazione dal medio oriente
    information from middle east
    المعلومات من الشرق الأوسط

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 02/02/2015 03:56 ] 10580


english italiano

  [ Subscribe our newsletter!   -   Iscriviti alla nostra newsletter! ]  




[10580]



Uruknet on Alexa


End Gaza Siege
End Gaza Siege

>

:: Segnala Uruknet agli amici. Clicka qui.
:: Invite your friends to Uruknet. Click here.




:: Segnalaci un articolo
:: Tell us of an article






Notizie dall'Iraq occupato, 26 settembre 2009

Agenzie

Cade drone USA su più grande sede partito sunnita a Mosul

Baghdad, 26 set. (Ap) - Un drone si è schiantato nel nord dell'Iraq, colpendo l'ufficio del maggiore partito politico sunnita del Paese. Lo riferisce l'esercito americano, secondo il quale veicolo senza pilota è caduto sull'ufficio di Mosul dell'Iraqi Islamic Party. Non ci sono indicazioni che il drone sia stato abbattuto, ha precisato il portavoce dell'esercito Usa, il maggiore Derrick Cheng. L'esercito definisce Mosul l'ultima roccaforte urbana di Al Qaida in Iraq. Secondo Cheng, è stata una coincidenza che l'aereo abbia colpito l'ufficio del partito, il cui edificio ha riportato dei danni al tetto. Non ci sono notizie di vittime, mentre sulla vicenda è stata aperta un'indagine.




Esplosione a Fallujah, vittime

L'esplosione di una bomba a Fallujah ha provocato la morte di una persona e il ferimento di un'altra.




Iraq: ancora Mandei vittime di omicidi

Dopo gli omicidi di due giovani Mandei commessi domenica a Bassora, nell’Iraq meridionale, l’Associazione per i Popoli Minacciati (APM) lancia un accorato allarme e si appella al governo iracheno per intervenire quanto prima a tutelare finalmente in modo efficace gli ultimi esponenti in Iraq di questa piccola e antica comunità religiosa che rischia di scomparire. Almeno 25.000 Mandei iracheni su 30.000 sono già fuggiti dal paese per mettersi al riparo dall’ondata di terrore che da anni ormai colpisce i fedeli Mandei. L’APM si appella che ai paesi dell’Unione Europea affinché concedano rifugio agli esponenti mandei in fuga dall’Iraq. Circa 1.200 Mandei vivono attualmente in Germania, in tutto il mondo i credenti Mandei, le cui origini risalgono a Giovanni Battista, sono circa 60.000. I due gioiellieri 25-enni mandei Farqad Faiq Osman Alchamisi e Muhannad Qassem Gharib Alkahili sono stati assaliti e uccisi domenica scorsa nei propri negozi da quattro persone. I negozi sono stati saccheggiati, dopo di che gli autori del crimine sono fuggiti in macchina. Secondo quanto riporta l’organizzazione mandea "Mandaean Program", alcuni testimoni oculari hanno chiesto aiuto a dei soldati che si trovavano nei paraggi ma si sono sentiti rispondere che ciò sarebbe di competenza della polizia. Nonostante l’evidenza della causa di morte dei due giovani, le autorità hanno proceduto ad un’inutile autopsia delle salme, contravvenendo così pesantemente alle usanze religiose mandee. L’APM documenta i crimini contro i Mandei in Iraq e l’ininterrotto esodo di questa comunità religiosa fin dal 2003.




Proseguono i saccheggi al patrimonio archeologico dell'Iraq

Nel cuore dell’Iraq, sotto la polvere e l’argilla, sono sepolti i tesori e la storia della cultura occidentale. Eppure, dall’invasione del 2003, oltre al dramma della guerra, l’immensa eredità culturale dell’Iraq ha subito saccheggi continuativi. Si tratta di una razzia incontrollabile, tanto che alcuni dei manufatti finiscono, - come in molti altri casi di oggetti culturali rubati -, in vendita su Ebay per meno di 100 dollari. Basta una piccola ricerca nel sito di aste online per trovare, senza particolari difficoltà, alcune tavolette con incise le gesta eroiche di Gilgamesh.

Apparentemente - scrive Carlotta Clerici su Libero - nessuno sta muovendo un dito per fermare questo scempio. Senza che nessuno intervenga, si distruggono i siti archeologici dove sono state erette le prime città, si cancellano dalla memoria collettiva i luoghi dove l’uomo ha scrutato per la prima volta il cielo e dove ha cigolato la prima ruota. Si annichilisce in maniera indelebile lo spazio dove nascevano la legge, i numeri e le prime forme di scrittura. Già nel 2005, dopo un sopralluogo nel sito archeologico di Babilonia, il responsabile per l’istituzione culturale britannica dell’antico e vicino oriente, John Curtis, denunciava la drammatica devastazione artistico-culturale del paese. Secondo la ricostruzione di Curtis, in questi sei anni, la coalizione ha usato un sito tra i più antichi e preziosi del mondo come base militare, devastando il lastricato di 2000 anni con il passaggio dei mezzi pesanti. Lo studioso aveva già denunciato l’utilizzo dei frammenti preziosi da parte dei soldati per riempire i sacchi di sabbia e l’uso improprio di alcune pietre, sfruttate per rinforzare le barriere di sicurezza dell’accampamento militare. Da quel soppraluogo, la situazione in Iraq è peggiorata, tanto che diverse aree del sito di Babilonia sono state ricoperte di ghiaia e di terra, cancellando per sempre ogni futura possibilità d’indagine agli studiosi e agli esperti.

Il passaggio dei soldati ha anche agevolato l’opera di ladri e ricettatori di opere d’arte. Infatti, sono migliaia i reperti, come tavolette con iscrizioni cuneiformi, sigilli, fregi, statue e ornamenti, inseriti illegalmente nei mercati dell’antiquariato di contrabbando di Londra, Ginevra e New York. Dalla caduta del regime di Saddam poi anche il museo di Baghdad ha subito un saccheggio devastante.

"In Iraq c’era la capacità e la competenza per fare un buon lavoro di conservazione, ma non è stato fatto e non viene fatto tuttora, con una media di 1000 reperti che scompaiono ogni giorno", dichiara a Libero Mario Fales, professore di storia del vicino oriente antico all’università di Udine. Del resto, se non ci si affretterà ad intervenire attivamente per salvare il patrimonio culturale dell’Iraq, la perdita di queste preziose testimonianze toglierà per sempre ai ricercatori la possibilità di ricostruire, con esattezza, il mosaico intricato della storia del pensiero umano, dell’arte e della civiltà occidentale.







:: Article nr. s10580 sent on 27-sep-2009 03:21 ECT

www.uruknet.info?p=s10580



:: The views expressed in this article are the sole responsibility of the author and do not necessarily reflect those of this website.

The section for the comments of our readers has been closed, because of many out-of-topics.
Now you can post your own comments into our Facebook page: www.facebook.com/uruknet




Warning: include(./share/share2.php): failed to open stream: No such file or directory in /home/content/25/8427425/html/vhosts/uruknet/colonna-centrale-pagina-ansi.php on line 385

Warning: include(): Failed opening './share/share2.php' for inclusion (include_path='.:/usr/local/php5_4/lib/php') in /home/content/25/8427425/html/vhosts/uruknet/colonna-centrale-pagina-ansi.php on line 385



       
[ Printable version ] | [ Send it to a friend ]


[ Contatto/Contact ] | [ Home Page ] | [Tutte le notizie/All news ]







Uruknet on Twitter




:: RSS updated to 2.0

:: English
:: Italiano



:: Uruknet for your mobile phone:
www.uruknet.mobi


Uruknet on Facebook






:: Motore di ricerca / Search Engine


uruknet
the web



:: Immagini / Pictures


Initial
Middle




The newsletter archive




L'Impero si è fermato a Bahgdad, by Valeria Poletti


Modulo per ordini




subscribe

:: Newsletter

:: Comments


Haq Agency
Haq Agency - English

Haq Agency - Arabic


AMSI
AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - English

AMSI - Association of Muslim Scholars in Iraq - Arabic




Font size
Carattere
1 2 3





:: All events








     

[ home page] | [ tutte le notizie/all news ] | [ download banner] | [ ultimo aggiornamento/last update 02/02/2015 03:56 ]




Uruknet receives daily many hacking attempts. To prevent this, we have 10 websites on 6 servers in different places. So, if the website is slow or it does not answer, you can recall one of the other web sites: www.uruknet.info www.uruknet.de www.uruknet.biz www.uruknet.org.uk www.uruknet.com www.uruknet.org - www.uruknet.it www.uruknet.eu www.uruknet.net www.uruknet.web.at.it




:: This site contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available in our efforts to advance understanding of environmental, political, human rights, economic, democracy, scientific, and social justice issues, etc. We believe this constitutes a 'fair use' of any such copyrighted material as provided for in section 107 of the US Copyright Law. In accordance with Title 17 U.S.C. Section 107, the material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving the included information for research and educational purposes. For more info go to: http://www.law.cornell.edu/uscode/17/107.shtml. If you wish to use copyrighted material from this site for purposes of your own that go beyond 'fair use', you must obtain permission from the copyright owner.
::  We always mention the author and link the original site and page of every article.
uruknet, uruklink, iraq, uruqlink, iraq, irak, irakeno, iraqui, uruk, uruqlink, saddam hussein, baghdad, mesopotamia, babilonia, uday, qusay, udai, qusai,hussein, feddayn, fedayn saddam, mujaheddin, mojahidin, tarek aziz, chalabi, iraqui, baath, ba'ht, Aljazira, aljazeera, Iraq, Saddam Hussein, Palestina, Sharon, Israele, Nasser, ahram, hayat, sharq awsat, iraqwar,irakwar All pictures

 

I nostri partner - Our Partners:


TEV S.r.l.

TEV S.r.l.: hosting

www.tev.it

Progetto Niz

niz: news management

www.niz.it

Digitbrand

digitbrand: ".it" domains

www.digitbrand.com

Worlwide Mirror Web-Sites:
www.uruknet.info (Main)
www.uruknet.com
www.uruknet.net
www.uruknet.org
www.uruknet.us (USA)
www.uruknet.su (Soviet Union)
www.uruknet.ru (Russia)
www.uruknet.it (Association)
www.uruknet.web.at.it
www.uruknet.biz
www.uruknet.mobi (For Mobile Phones)
www.uruknet.org.uk (UK)
www.uruknet.de (Germany)
www.uruknet.ir (Iran)
www.uruknet.eu (Europe)
wap.uruknet.info (For Mobile Phones)
rss.uruknet.info (For Rss Feeds)
www.uruknet.tel

Vat Number: IT-97475000150